Skip to content

Quando un cliente non paga

Quando un cliente non paga, cosa fare per prevenire situazioni imbarazzanti e fastidiose?

Quando lavori con un cliente, ti aspetti di essere pagato per il tuo lavoro, prodotto o servizi.

Ma cosa succede quando il cliente non paga o quei pagamenti sono in ritardo o non arrivano affatto?

Fortunatamente, ci sono dei passaggi per aiutarti a gestire e persino prevenire il problema del cliente non pagante.

Prevenire i mancati pagamenti
Inseguire un cliente non pagante è spesso un processo complicato, quindi è meglio evitare del tutto di trovarsi in queste situazioni prendendo le seguenti precauzioni.

1. Ricerca il tuo cliente.
Se non hai mai lavorato con un cliente prima, prenditi il ​​tempo per fare ricerche e scoprire con chi hai a che fare. Googla il loro nome, chiedi ai tuoi contatti se sanno qualcosa del tuo nuovo potenziale cliente e vedi se ci sono dei reclami contro di loro.

La maggior parte dei mancati pagamenti può essere prevenuta o drasticamente ridotta al minimo, sottoponendo a screening i clienti in anticipo.

2. Avere un contratto.
Non importa se è il tuo migliore amico o uno dei leader aziendali più rispettati nel tuo settore, avere sempre un contratto scritto sul posto.

Il contratto dovrebbe affrontare questi problemi:

Pianificazione dei pagamenti
Termini: ad esempio, pagamento 30, 60 o 90 giorni dopo l’invio della fattura
Metodo di pagamento preferito: ad es. Assegni, carta di credito o PayPal
Ambito: il lavoro esatto che ci si aspetta che completi
Scadenza: data prevista per il completamento
Politica di pagamento tardivo: importo addebitato se la fattura non viene pagata in tempo
È essenziale ottenere tutti i dettagli per iscritto in modo da non affrontare i problemi lungo la strada. Ad esempio, se il cliente è consapevole di dover pagare le spese arretrate, sarà meno probabile che si sfaldino e, in tal caso, sarà costretto a pagare interessi. Ma se non si riesce a creare un contratto, nulla è garantito.

3. Richiedi un deposito.
Se chiedi anticipatamente una parte del pagamento, avrai già vinto in partenza. Chiedere un deposito è comune ai freelance quando negozia con i clienti e aiuta a coprire le spese o il tempo che hai già speso per un progetto.

quando il cliente non paga

A volte capita che il tuo cliente non abbia pagato una fattura.

Se hai preso tutte le precauzioni e un cliente non ha ancora pagato la fattura, dovrai agire in fretta. Ecco come affrontare la situazione.

1. Pesare le opzioni.
Chiediti se inseguire il cliente ne vale davvero la pena. Se il pagamento era solo una piccola percentuale della tua pianificazione annuale, potrebbe essere meglio lasciarlo andare e cancellare il cliente per i tuoi affari futuri. Potresti finire a spendere più denaro ed energia di quanto valga la fattura.

2. Follow-up.
Non esitare a inviare una e-mail se la fattura non è stata pagata entro la data concordata. C’è sempre la possibilità che la fattura sia stata persa o smarrita. Forse il cliente si è semplicemente dimenticato. Cerca di pensare positivo:)

Invia loro un’e-mail amichevole ma ferma che ricorda loro che la fattura è scaduta e vorresti risolvere il problema il prima possibile. Inoltre, chiedi se hanno dubbi sul prodotto o sul servizio che hai fornito o se hanno bisogno di assistenza per il processo di pagamento.

3. Parla con un avvocato.
Quando il tuo cliente resiste o ignora le tue richieste e pensi ancora che la fattura non pagata valga la pena, dovresti coinvolgere una terza parte.

Sul mio workbook per SMM puoi segnare tutti i clienti, i pagamenti ed evidenziare con colori differenti se li hai ricevuti e se hai richiesto fattura (io faccio così per pianificare tutto).

Ultimo suggerimento… fin dai primi mesi si capisce come potrebbe andare il rapporto di lavoro con un cliente… fatti furbo e se fiuti qualcosa che non va, lascia perdere, solitamente quando si hanno queste sensazioni, noi freelance non sbagliamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.